arti-marziali-giapponesi aikido iaido budo bushido

Batto-jutsu: corso a Leno (Brescia)

battojutsu

Venerdì 6 Ottobre a Leno (BS) – alle ore 21 – partirà il corso base di Batto-jutsu.

La proposta didattica è la naturale prosecuzione del bel rapporto instauratosi col Maestro Savoldelli, che ha tenuto nella stagione 2016-17  il 1° corso con la celebre spada giapponese organizzato dall’Accademia Arti marziali Brescia.

Così, dopo aver proposto le materie Ken-jutsu e Iai-jutsu tratte dall’ampio panorama del Bugei, quest’anno si è deciso di passare alle basi del Batto-jutsu.

Vediamo in sintesi cosa differenzia queste tre discipline, così come vengono descritte nel sito bushido.bs.it dell’Associazione rappresentata dal Maestro Salvodelli:

Si può dire che nella nostra pratica, derivante dalle discipline Bugei e Bujutsu, didatticamente le discipline di spada studiate sono fondamentalmente tre:

  • Batto-jutsu
  • Iai-jutsu
  • Ken-jutsu

ma le differenze non sono poi così sostanziali come si potrebbe pensare, sempre di spada si tratta.

Nella concezione didattica della nostra scuola nel Batto-jutsu si studiano tutte quelle forme distintive di estrazione della spada dal fodero in cui si manifesta l’intenzione immediatamente combattiva. Queste forme sono generalmente esguite con una spada affilata (Shinken) e sono sequenze di combattimento che arrivano anche a sette-otto movimenti. In questa materia tipicamente si trovano le prove di taglio con una spada affilata (Tameshigiri) su oggetti che generalmente sono tatami di paglia arrotolati, tronchi di banano o bambù che garantiscono la sensazione della corretta postura e coordinazione necessaria per un possibile taglio su un arto umano.

Nello Iai-jutsu invece, le forme sono più brevi e composte di due-tre tecniche che sono contraddistinte da un ritmo specifico dato da estrazioni seguite da guardie “di attesa” e tagli violenti e veloci.

La materia specifica del Ken-jutsu, da non confondere con il Ken-Do, si studiano tutte quelle forme di combattimento in cui ci si trova con la spada già estratta dal fodero (Saya).

Durante lo studio di tutte queste forme didattiche ci si imbatte in molti kata – o sequenze prefissate, come accade anche in molte discipline a mani nude – dove lo studio biomeccanico del movimento è caratterizzato dalla combinazione di elementi come spazio-tempo-direzioni. In questo modo gli elementi fondamentali di una strategia si fondono manifestando lo stile proprio della disciplina e creando le difficoltà necessarie affinché lo studente possa incontrare i propri limiti fisici e temporali.

The following two tabs change content below.
avatar
Nato e residente a Leno (BS) studio e pratico arti marziali dal 1994. Ho iniziato col Karate ma dopo aver insegnato per alcuni anni e ottenuto la cintura nera 3° dan ho dovuto abbandonare a causa di problemi fisici e non solo... Ho intrapreso la pratica dell'Aikido nel 2003 per stare meglio con il corpo e dopo aver superato l'esame di 2° dan ho avviato l'insegnamento nella Bushidokai ShinGiTai, associazione che ho fondato nel 2009 in qualità di Presidente. Dopo aver ricevuto il 1° livello Reiki nel 2005 ho iniziato a praticare Tai Chi, Iaido (ora cintura nera) e meditazione (Zen è la mia preferita), applicando con successo l'energia vitale in qualsiasi attività lavorativa (geometra è il mio impiego principale) e relazionale (sono felicemente sposato e padre di due splendide bimbe). Ho scritto il libro "105 modi per conoscere l'Oriente" e una trilogia di ebook sul benessere con la Bruno editore.
avatar

Ultimi post di Stefano Bresciani (vedi tutti)

Ti è piaciuto l'articolo? Fallo leggere ai tuoi amici.. grazie
Categorie: Iaido-Iaijutsu-Kenjutsu-Battojutsu Tags: , , ,
Ritorna alla pagina precedente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *