arti-marziali-giapponesi aikido iaido budo bushido

Budo e coordinazione (lezione 2.3 – teoria)

budo_academy

Passiamo agli arti inferiori strettamente collegati al busto e in particolare all’addome, zona in cui è situato il nostro baricentro (l’hara di cui abbiamo già parlato).

Il budoka ha il sacrosanto dovere di conoscere i principali muscoli che interessano quella zona, che ti elenco velocemente dall’alto in basso: retto dell’addome (frontale), obliqui dell’addome (a destra e a sinistra), grande gluteo (zona più ampia del sedere), adduttori (interno coscia, a destra e a sinistra), quadricipite femorale (zona anteriore della coscia), bicipite femorale (zona posteriore della coscia), gemello mediale e laterale (zona posteriore del polpaccio), tibiale anteriore (adiacente alla tibia).

Per approfondire e conoscere tutti gli altri gruppi e singoli muscoli, ti consiglio come sempre un buon libro di anatomia con relative tavole. Il mio compito in queste pagine si limita a darti un’infarinatura biomeccanica, atta a farti capire come coordinare correttamente gli arti inferiori e il busto nella pratica marziale.

Una buona mobilità articolare, specialmente quella che riguarda l’uso delle anche e delle gambe, ci permette di migliorare notevolmente le nostre prestazioni nel campo del Budo.

Basta pensare all’impiego dei calci, nel Karate in special modo, così come nel Taekwondo coreano o nel Wushu cinese, che necessitano un allenamento specifico.

Dal punto di vista atletico l’età, la frequenza e l’intensità con cui facciamo stretching potrebbe fare la differenza in una competizione così come in un malaugurato scontro per strada.

Ma io e te facciamo Budo, giusto? Ci interessa forse vincere una medaglia alle prossime olimpiadi… o calciare al volto come Van Damme in caso di malintenzionati?

The following two tabs change content below.
avatar
Nato e residente a Leno (BS) studio e pratico arti marziali dal 1994. Ho iniziato col Karate ma dopo aver insegnato per alcuni anni e ottenuto la cintura nera 3° dan ho dovuto abbandonare a causa di problemi fisici e non solo... Ho intrapreso la pratica dell'Aikido nel 2003 per stare meglio con il corpo e dopo aver superato l'esame di 2° dan ho avviato l'insegnamento nella Bushidokai ShinGiTai, associazione che ho fondato nel 2009 in qualità di Presidente. Dopo aver ricevuto il 1° livello Reiki nel 2005 ho iniziato a praticare Tai Chi, Iaido (ora cintura nera) e meditazione (Zen è la mia preferita), applicando con successo l'energia vitale in qualsiasi attività lavorativa (geometra è il mio impiego principale) e relazionale (sono felicemente sposato e padre di due splendide bimbe). Ho scritto il libro "105 modi per conoscere l'Oriente" e una trilogia di ebook sul benessere con la Bruno editore.
Ti è piaciuto l'articolo? Fallo leggere ai tuoi amici.. grazie
Categorie: Budo academy (ON-LINE) Tags: , ,
Ritorna alla pagina precedente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *