arti-marziali-giapponesi aikido iaido budo bushido

Parabola del Buddha per meditare sul qui e ora

Buddha in un sutra raccontò una parabola:

Un uomo che stava attraversando un campo incontrò una tigre. Cominciò a scappare, con la belva alle costole. Giunto a un precipizio, afferrò la radice di un rampicante selvatico e si lanciò giù, oltre il ciglio. La tigre lo fiutava dall’alto. Tremando, l’uomo guardò giù, dove molto più in basso, un’altra tigre l’aspettava per divorarlo. Solo il rampicante lo sosteneva. Due topi, uno bianco e uno nero, poco a poco cominciarono a rosicchiare il rampicante…

L’uomo vide una succulenta fragola vicino a sé. Tenendo il rampicante con una mano, colse la fragola con l’altra. Com’era dolce!

 [tratto da “105 storie zen” a cura di Nyogen Senzaki e Paul Reps, edizioni il punto d’incontro]

Bella questa parabola, vero? E tu, ti saresti accorto del momento presente (e quindi visto la fragola per poi gustartela), avresti già proiettato la tua mente al futuro (morte certa) o avresti fatto un salto nel passato (la classica vita che ti  scorre davanti)? Difficile a dirsi e soprattutto a farsi ma l’essenza dello zen è proprio nel principio del “qui e ora”. Vivere il presente, l’attimo, godere appieno di ogni momento senza pre-occuparsi troppo del futuro (nel caso della parabola: alla morte certa) o rimuginare sul passato…

Lo zen è una filosofia di vita nata in Oriente e originaria dell’India (col leggendario monaco Bodhidharma), diffusasi poi in Cina (col filone del buddhismo chàn) e infine giunta in Giappone in cui si è suddivisa in vari lignaggi che hanno profondamente influenzato la cultura nipponica. Cultura giunta in Occidente nel secolo scorso e che ha preso sempre più piede negli ultimi anni. Personalmente ne sono sempre rimasto affascinato, da almeno un dozzina d’anni: dalla classica forma di meditazione in zazen all’etichetta dei cerimoniali, dai koan (=affermazioni paradossali o frasi usate nei racconti per facilitare la meditazione) alle parabole del Buddha. Parabole che, come quella sopra citata, aiutano a trovare nella nostra vita barlumi di saggezza senza sconfinare nel fanatismo e difficilmente lasciano indifferenti i nostri pensieri: ogni piccolo insegnamento nasconde grandi verità, basta esserne consapevoli…

Puoi condividere questo articolo sui social!

The following two tabs change content below.
avatar
Nato e residente a Leno (BS) studio e pratico arti marziali dal 1994. Ho iniziato col Karate ma dopo aver insegnato per alcuni anni e ottenuto la cintura nera 3° dan ho dovuto abbandonare a causa di problemi fisici e non solo... Ho intrapreso la pratica dell'Aikido nel 2003 per stare meglio con il corpo e dopo aver superato l'esame di 2° dan ho avviato l'insegnamento nella Bushidokai ShinGiTai, associazione che ho fondato nel 2009 in qualità di Presidente. Ho insegnato Aikido Tendoryu fino al Dicembre 2017... poi ho iniziato Brazilian Jiu Jutsu, altra bellissima disciplina! Dopo aver ricevuto il 1° livello Reiki nel 2005 ho praticato Tai Chi, Iaido e meditazione (il non-metodo di Krishnamurti è il mio preferito), applicando con successo l'energia vitale in qualsiasi attività lavorativa e relazionale (sono felicemente sposato e padre di due splendide bambine). Ho scritto i libri "105 modi per conoscere l'Oriente" e "Budo Training - vol.1", oltre a una trilogia di ebook sul benessere con Bruno editore. Ho gestito BudoBlog da Aprile 2012 a Gennaio 2018.
Categorie: Meditare Tags:
Ritorna alla pagina precedente

9 In risposta a Parabola del Buddha per meditare sul qui e ora

    avatarEnzo
    Commented:  5 giugno 2012 at 23:05

    Ciao Ragazzi, sono Enzo del dojo di sesto… vi leggo appena ho qualche secondo libero. bel blog continuate così…
    bella anche la parabola. Sicuramente ti da modo di pensare…
    un saluto, spero di vedevi presto, nel frattempo continuo a leggere i vostri post.
    Enzo

    Rispondi
    avatarmarco
    Commented:  6 giugno 2012 at 10:58

    Salire sul tatami è come isolare quel momento in cui la fragola spande il suo dolce in bocca… il resto non esiste più.
    La pratica è (o dovrebbe essere…) un’isola che fluttua al di fuori delle nostre preoccupazioni.

    A pensarci bene è una grande liberazione che ci viene offerta.

    ribadisco: gran bel blog!

    Marco

    Rispondi
    avatarSimone
    Commented:  6 giugno 2012 at 14:47

    Per come la vedo io nel momento della morte nulla più conta se non l’attimo stesso. Che senso ha pensare a ciò che verrà…dato che non ci sarà futuro? perchè preoccuparsi di cosa ci perderemo, di quello che succederà?
    Non avrebbe senso. Avrebbe più senso pensare al passato, ricordare ciò che siamo stati. Ma anche questo avrebbe poco significato. Ormai è troppo tardi, bisognava pensarci prima. Dovremmo vivere il distacco dal piano materiale dell’esistenza per quello che è. Cosa possiamo fare ormai se non assaporare l’ultimo alito di vita? Null’altro conta se non questo. Ma ancor più durante la nostra esistenza dobbiamo imparare a vivere il qui e ora appieno. Godendoci ogni attimo di vita per quello che è, non avremo necessità nel momento della morte di dover rimuginare sul passato o sul futuro…perchè avremo vissuto una vita piena e soddisfacente.

    Rispondi
    avatarFabio Faraglia
    Commented:  6 giugno 2012 at 15:35

    …E’ un bellissimo insegnamento..! Anche io, personalmente, cercherò di farne tesoro. Da…adesso…!! 😉

    Rispondi
    avatarFEDERICO
    Commented:  7 giugno 2012 at 12:25

    Mi piace molto la fragolina, ma in particolar modo mi piacciono i tuoi insegnamenti che mi conducono al vivere
    Qui e Ora attraverso la coltivazione della calma interiore nell’affrontare le cose! Grazie ancora Stefano, ci vediamo
    questa sera….ciao Federico.

    Rispondi
    avatarStefano Bresciani
    Commented:  8 giugno 2012 at 10:59

    Quanti commenti, grazie a tutti!!! Il primo articolo della categoria “altro budo” ha colpito nel segno, mi fa piacere e faremo del nostro meglio per placare la vostra sete di conoscenza e curiosità in questi campi… A breve due articoli che mi auguro siano di altrettanto gradimento!

    P.S.: anch’io adoro le fragole, ma preferisco mangiarle comodamente a tavola e senza topi e/o tigri tra i piedi 🙂

    Rispondi
    avatarNicola
    Commented:  9 giugno 2012 at 12:08

    “qui e ora”…”vivere il presente”….nel profondo ho sempre pensato fosse la via migliore, ma non ho mai capito come riuscire a metterlo in pratica.
    Speriamo che il tempo e la pratica portino consiglio. 🙂

    Rispondi
    avatarSardelli Giuliano
    Commented:  11 ottobre 2016 at 20:55

    Ho trovato il tempo x leggere un altro dei tuoi simpatici articoli, sono massime molto profonde e piene di saggezza, le metafore danno edito a varie interpretazioni, fermo restando di dover vivere l’attimo che stai vivendo, io interpreto questa parabola come un monito di non cacciarsi nei guai, ti puoi trovare in punto di morte guidando ubriaco o drogato, o altre bischerate simili, sarebbe una situazione drammatica come quella descritta non avresti neppure la fragolina!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *