arti-marziali-giapponesi aikido iaido budo bushido

Aikido

– benefici dell’arte marziale di M.Ueshiba
– esperienze di aikidoka sul tatami
– esperienze di pratica fuori dal dojo
– principi filosofici della “via dell’armonia”

Aikido Tendoryu: trova la forza del bambù (quinta parte)

I Maestri di Aikido o di qualsiasi altra disciplina insegnano che, per imparare, il primo passo da fare è quello di svuotarci dai nostri preconcetti.

Avrai di certo sentito la frase “svuota la tazza, prima di riempirla!” Nei film di Bruce Lee o in un testo zen non fa differenza, questo concetto è cristallino, semplice da dire ma assai difficile da mettere in pratica, nel dojo come nella vita.

Non si può riempire una tazza se è già piena… solo che gli uomini lo sono, quasi sempre. Il bambù ci può aiutare, prendendolo come esempio: basta osservare le sue cavità interne, che ci ricordano che siamo troppo pieni di noi stessi e delle nostre convinzioni/punti di vista/esperienze, che spesso non abbiamo spazio per aggiungere altro. Continua la lettura

Aikido Tendoryu: trova la forza del bambù (quarta parte)

L’immagine del bambù coperto di neve mi ha sempre incantato, poiché rappresenta la capacità di ritornare come un elastico dopo aver sperimentato le avversità. In inverno il bambù, sotto il peso della neve, si piega sempre più, fino a quando un giorno la neve, divenuta troppo pesante, scivola via! A quel punto il bambù scatta verso alto, scostando tutta la neve rimasta.

Il bambù ha sopportato il pesante fardello della neve ma alla fine la sua natura elastica ha prevalso come a dire “Io non sarò sconfitto!”.

Questo è uno degli aspetti psicologici che più hanno affascinato, sin dall’adolescenza: quando un problema o una situazione si fa davvero pesante, quando diventa quasi insopportabile la fatica mentale per sostenerla, bisogna resistere.

Continua la lettura

Aikido Tendoryu: trova la forza del bambù (terza parte)

A differenza di altri tipi di legno che richiedono un lungo processo di lavorazione e di finitura, il bambù non ha bisogno di tutto questo. Il bambù è già pronto all’uso ed esprime al meglio se stesso per quello che é in natura.

Anche per l’uomo potrebbe essere così: attraverso la formazione e la pratica di qualsiasi attività, professionale o amatoriale, si può sviluppare il proprio modo di essere sempre pronti, centrati, presenti, dando il massimo di se stessi e quindi ottenere più facilmente dei risultati soddisfacenti. Dobbiamo essere sempre pronti, come il bambù. Continua la lettura

Aikido Tendoryu: trova la forza del bambù (prima parte)

Essere flessibili ma stabilmente radicati. Una delle cose più impressionanti dei bambù nella foresta, è che ondeggia con la minima brezza. Questo movimento ondeggiante gentile con il vento è simbolo di umiltà.

Il corpo del bambù è duro eppure si adatta dolcemente alla natura, mentre il tronco rimane saldamente radicato nel terreno sottostante. La base è solida, anche se i rami si muovono e ondeggiano armoniosamente con il vento senza mai lottare contro di esso. Col tempo anche il più forte vento si stanca ma il bambù rimane ancora ritto in piedi.

Una flessione senza spezzarsi o un atteggiamento che segue il naturale flusso della corrente è uno dei segreti per il successo quando si tratta di affrontare le sfide quotidiane. Continua la lettura

Aikido Tendoryu: trova la forza del bambù (introduzione)

Il bambù, semplice e naturale, rappresenta un carattere umile ma tenace, produce un piacevole suono al vento, brilla alla pioggia, cresce velocemente.

Quella del Bambù viene considerata una pianta misteriosa, poiché le sue caratteristiche vegetali e materiali sono ben diverse dal legno, avendo una forza vitale che nessun’altra pianta possiede.

Grazie alla sua sorprendente versatilità e affascinante bellezza, il bambù ha molteplici significati: simbolo di nobiltà e rettitudine, di fedeltà coniugale, di umiltà e di tenacia, il bambù ha una tradizione antica e affascinante.

Continua la lettura