arti-marziali-giapponesi aikido iaido budo bushido

Budo e consapevolezza (lezione 1.2 – pratica)

budo_academy

Ora devi semplicemente prendere il tuo brano musicale preferito, quello che ti emoziona di più e trovare uno spazio sufficientemente ampio per muoverti liberamente.

Hai capito benissimo: prova a danzare, lasciarti andare dalle note o dalle parole della tua musica ideale, quella che senti nelle tue corde, nel tuo corpo, che grazie al suo ritmo ti fa sentire vivo!

Balla dall’inizio alla fine: non hai alcun bisogno di esibirti di fronte a qualcuno o di fronte a uno specchio, ognuno si muove come meglio crede, anzi come meglio “sente”.

Ascolta attentamente un brano che vuoi tu, che magari conosci a memoria, ma soprattutto lasciati guidare dalla sua melodia e cerca di accompagnarla con movenze fisiche, armoniose, eleganti e soprattutto sincere.

Cerca di sentirti parte di quella melodia e, se lo desideri e hai un minimo di preparazione marziale, potresti adattare tecniche a te familiari man mano sentirai il brano. Vinta la timidezza iniziale potresti benissimo provare a muoverti, cadere, colpire, a mani nude o utilizzando un’arma, eseguendo una sorta di kata di libera composizione.

È in questo modo che ho vinto la timidezza di ballare, di muovermi a ritmo di musica, consapevole del mio scarsissimo livello e totale mancanza di ritmo (mia moglie e le mie figlie dicono che sono negato e non hanno affatto torto).

Mi sono messo in gioco dapprima da solo, di fronte agli specchi di un dojo, poi di fronte ai miei allievi e infine in esibizioni pubbliche davanti a centinaia di persone!

Vuoi sapere come ho fatto?

La scelta della musica è stata abbastanza facile, adoro le colonne sonore e in particolare quelle del Maestro Ennio Morricone; ne ho utilizzate diverse nel corso degli anni. Quasi sempre mi sono esibito da solo dopo mesi di prove, ed è sempre stato un successo.

Nel corso dell’ultima dimostrazione, nel Gennaio 2015, ho persino modificato gran parte di un kata di Iaido seguendo la musica fino a un certo punto… e poi mi sono lasciato trasportare fino alla fine.

Le tecniche col mio fidato iaito sono nate con estrema naturalezza, attingendo dal mio bagaglio marziale ma soprattutto dal mio istinto, guidato dalla magnifica musica tratta da Kill Bill. Vol.2 (“L’Arena”).

Ti confesso che è stata una sensazione di libertà senza eguali, assolutamente da provare prima o poi nella vita. Te lo auguro.

Riassumendo l’esercizio “uditivo” è il seguente:

  • Prepara il tuo brano preferito (CD, Youtube, Spotify o altro)
  • Trova uno spazio di almeno 4 metri quadrati libero da ostacoli e da persone
  • Inizia ad ascoltare il brano e poi muoviti senza alcun limite (se non quello dello spazio che ti circonda), dall’inizio alla fine

Goditi il momento, ascolta il brano… e il tuo corpo!

The following two tabs change content below.
avatar

Stefano

Nato e residente a Leno (BS) studio e pratico arti marziali dal 1994. Ho iniziato col Karate ma dopo aver insegnato per alcuni anni e ottenuto la cintura nera 3° dan ho dovuto abbandonare a causa di problemi fisici e non solo... Ho intrapreso la pratica dell'Aikido nel 2003 per stare meglio con il corpo e dopo aver superato l'esame di 2° dan ho avviato l'insegnamento nella Bushidokai ShinGiTai, associazione che ho fondato nel 2009 in qualità di Presidente (poi chiusa nel 2018). Ho insegnato Aikido Tendoryu fino al Dicembre 2017... poi ho iniziato Brazilian Jiu Jutsu, altra bellissima disciplina! Dopo aver ricevuto il 1° livello Reiki nel 2005 ho praticato Tai Chi, Iaido e meditazione (il non-metodo di Krishnamurti è il mio preferito), applicando con successo l'energia vitale in qualsiasi attività lavorativa e relazionale (sono felicemente sposato e padre di due splendide bambine). Ho scritto i libri "105 modi per conoscere l'Oriente" e "Budo Training - vol.1", oltre a una trilogia di ebook sul benessere con Bruno editore. Ho gestito BudoBlog da Aprile 2012 a Gennaio 2018.
Categorie: Budo academy (ON-LINE) Tags: , , ,
Ritorna alla pagina precedente