arti-marziali-giapponesi aikido iaido budo bushido

Budo e consapevolezza (lezione 1.4 – teoria)

budo_academy

In questa quarta lezione del primo capitolo parliamo ancora di equilibrio. Stavolta il senso è leggermente diverso, non ti spiego nuovamente ad allenare l’equilibrio fisico inteso come capacità coordinativa, quanto come capacità di avere e mantenere un comportamento controllato, misurato.

A livello corporeo dobbiamo sforzarci di trovare un bilanciamento tra i tre tipi di consapevolezza spiegati ed esercitati sinora.

Hai provato i 3 esercizi, vero? Altrimenti non ha alcun senso proseguire con questo corso. Quindi se non li hai ancora sperimentati, mi permetto di consigliarti d’interrompere questa parte del capitolo 1 ed eseguire i tre esercizi proposti, uno di seguito all’altro andrà benissimo!

Quindi, prima di procedere, dedica almeno due/tre minuti per esercizio:

  1. Consapevolezza “visiva” –> osservati di fronte a uno specchio, dalla testa ai piedi
  2. Consapevolezza “uditiva” –> scegli un brano e uno spazio adeguati, muoviti seguendo il ritmo della tua musica preferita
  3. Consapevolezza “cinestesica” –> in piedi con le gambe leggermente flesse e divaricate, sposta il peso nelle varie direzioni e poi al centro (hara)

In quale esercizio hai trovato maggiori difficoltà? Quale dei tre esercizi ti è sembrato più facile?

Probabilmente sei inquadrabile in una delle tre tipologie indicate nella PNL (Programmazione Neuro-Linguistica): visiva, auditiva e cinestesica, a seconda che l’esercizio 1, 2 o 3 sia stato quello in cui hai sentito maggior agio a livello fisico. Al contrario, dove hai riscontrato maggior difficoltà è l’aspetto che dovresti allenare di più.

Secondo la Programmazione Neurolinguistica, metodo psicologico alternativo che personalmente ho approfondito alcuni anni fa, ognuno di noi percepisce il mondo e la realtà in maniera differente, attraverso i sensi che utilizziamo con maggiore frequenza in base alla nostra personalità. Che tu ci creda o no, è una prospettiva curiosa e interessante che vale la pena considerare se intendi conoscerti meglio.

Come ogni cosa c’è chi la prende molto sul serio poiché vi si appassiona (in molti casi si trovano persino sbocchi lavorativi, nella veste di Coach) e chi invece la considera una perdita di tempo… Per me invece è una via di mezzo, un punto di vista da sfruttare per trovare il giusto equilibrio interiore, nel nostro modo di percepire la realtà ma molto utile, con il dovuto allenamento, anche per capire come una persona percepisce principalmente la realtà che lo circonda.

Prova a farci caso: quando ascolti qualcuno presta molta attenzione alle parole che utilizza quando ti racconta un episodio della sua vita.

Noterai che parlerà dando maggior enfasi e importanza a espressioni prettamente:

  • Visive, come “ho visto”, “ho immaginato”, “non credevo ai miei occhi”, “il mio punto di vista è…” spesso accompagnando gli occhi e la testa verso l’alto
  • Uditive, quali “ho sentito un rumore”, “ho udito”, “che melodia”, “dimmi cosa intendi” e mentre ti ascolta inclina la testa da un lato
  • Cinestesiche, quali “ho avuto una sensazione”, “quanto mi è pesato”, “emozione forte, intensa”, “sento che questa è una buona idea” e il più delle volte parla con lunghe pause, lentamente e con tono basso.

Potresti benissimo esercitarti, con chiunque e in qualunque momento, però prima dovresti sperimentare il tuo livello di consapevolezza “equilibrata”, mediante il prossimo esercizio.

 

The following two tabs change content below.
avatar

Stefano

Nato e residente a Leno (BS) studio e pratico arti marziali dal 1994. Ho iniziato col Karate ma dopo aver insegnato per alcuni anni e ottenuto la cintura nera 3° dan ho dovuto abbandonare a causa di problemi fisici e non solo... Ho intrapreso la pratica dell'Aikido nel 2003 per stare meglio con il corpo e dopo aver superato l'esame di 2° dan ho avviato l'insegnamento nella Bushidokai ShinGiTai, associazione che ho fondato nel 2009 in qualità di Presidente (poi chiusa nel 2018). Ho insegnato Aikido Tendoryu fino al Dicembre 2017... poi ho iniziato Brazilian Jiu Jutsu, altra bellissima disciplina! Dopo aver ricevuto il 1° livello Reiki nel 2005 ho praticato Tai Chi, Iaido e meditazione (il non-metodo di Krishnamurti è il mio preferito), applicando con successo l'energia vitale in qualsiasi attività lavorativa e relazionale (sono felicemente sposato e padre di due splendide bambine). Ho scritto i libri "105 modi per conoscere l'Oriente" e "Budo Training - vol.1", oltre a una trilogia di ebook sul benessere con Bruno editore. Ho gestito BudoBlog da Aprile 2012 a Gennaio 2018.
Categorie: Budo academy (ON-LINE) Tags: , ,
Ritorna alla pagina precedente