arti-marziali-giapponesi aikido iaido budo bushido

Suburi come il Sale (q.b.)

Questo articolo è stato ispirato dal budoka Nicola durante la lezione di armi dello scorso 16 ottobre. Quindi lo ringrazio sin da ora, grazie Nicola!

Ogni conversazione, battuta o riflessione, possiamo sapere quanto vale… immortalandola in un post, tipo “Suburi come il Sale”.

La definizione “Q.B.” significa “quanto basta”. Nei ricettari almeno si scrive sempre così, per indicare che l’aggiunta di sale deve portare la pietanza al giusto grado di sapidità. Già, ma quando una pietanza è “giustamente” sapida? Chiedetelo a un ragazzino che divora ogni giorno quantità industriali di patatine e popcorn: “più sale c’è e meglio è…” sarà la probabile risposta; all’opposto, il raffinato buongustaio attento alle sfumature dell’aroma, darà una risposta esattamente contraria: “Sale? Il minimo indispensabile…”. Questione di gusti, certo, ma il gusto si può anche educare: è dimostrato che riducendo gradualmente la quantità di sale che si consuma, il palato a poco a poco si adatta, al punto che, nel giro di pochi mesi, si può arrivare a eliminare quasi totalmente il sale dalla tavola, senza rimpiangerne la mancanza. Del resto, utilizzare poco sale in cucina significa anche riscoprire il gusto naturale degli alimenti: si potranno riconoscere sapori ormai dimenticati e apprezzare sfumature altrimenti coperte da un gusto troppo intenso.

Sicurante sono espressioni che hai già sentito o letto da altre parti ma ci tenevo a fare questo cappello introduttivo per arrivare al Q.B…. dal punto di vista marziale dei Suburi.

Per inciso, i “suburi” sono esercizi fondamentali che in Giappone vengono utilizzati anche nel linguaggio tennistico, golfistico e del baseball, mentre in occidente sono associati alla pratica esclusivamente marziale. Nel Kendo, nel Ken-jutsu e nello Iaido in particolare, il suburi rappresenta uno o più movimenti che costituiscono le basi tecnico-didattiche di un’arte con la spada (con shinai, bokken o iaito/katana non fa alcuna differenza)

Nella mia sinora breve ma intensa esperienza con l’arma tradizionale per eccellenza in auge nel mondo degli antichi Samurai, ho sperimentato tutti i suburi possibili, compresi quelli col jo (bastone in legno) contemplati nello studio dell’Aikido. Migliaia di ripetizioni del classico “shomen” (il taglio verticale dall’alto in basso), e non molte meno dei kesa-kiri (tagli obliqui dall’alto in basso), oltre ai vari tipi di tsuki (affondi), kamae (posizioni di guardia) e combinazioni varie… fino alla nausea.

Hai capito bene. I suburi sono di una noia mortale… e se non hai un obiettivo preciso e una passione simile alla mia, ti stancheresti dopo una mezz’oretta di lezione. Pensa che per apprendere bene uno dei suburi, considerando i più semplici, ci vorrebbero una decina di lezioni da un paio d’ore ciascuna! Ripetendo sempre lo stesso movimento. Troppo stroppia, come il sale, e resterei solo con la mia spada ad eseguire l’esercizio. Facendo poche ripetizioni, invece, si rischia di non imparare alcunché… quindi ho cercato la giusta misura, il giusto equilibrio: il famoso Q.B.

E l’ho messo in pratica col folto gruppo di praticanti del neo-corso di armi tradizionali giapponesi: un vero successo dal punto di vista del divertimento e dell’apprendimento! Vuoi sapere come ho fatto? Scrivimi un commento qui sotto o privatamente alla mail: stefano@budoblog.it

The following two tabs change content below.
avatar

Stefano

Nato e residente a Leno (BS) studio e pratico arti marziali dal 1994. Ho iniziato col Karate ma dopo aver insegnato per alcuni anni e ottenuto la cintura nera 3° dan ho dovuto abbandonare a causa di problemi fisici e non solo... Ho intrapreso la pratica dell'Aikido nel 2003 per stare meglio con il corpo e dopo aver superato l'esame di 2° dan ho avviato l'insegnamento nella Bushidokai ShinGiTai, associazione che ho fondato nel 2009 in qualità di Presidente (poi chiusa nel 2018). Ho insegnato Aikido Tendoryu fino al Dicembre 2017... poi ho iniziato Brazilian Jiu Jutsu, altra bellissima disciplina! Dopo aver ricevuto il 1° livello Reiki nel 2005 ho praticato Tai Chi, Iaido e meditazione (il non-metodo di Krishnamurti è il mio preferito), applicando con successo l'energia vitale in qualsiasi attività lavorativa e relazionale (sono felicemente sposato e padre di due splendide bambine). Ho scritto i libri "105 modi per conoscere l'Oriente" e "Budo Training - vol.1", oltre a una trilogia di ebook sul benessere con Bruno editore. Ho gestito BudoBlog da Aprile 2012 a Gennaio 2018.
Categorie: Aikido, Iaido-Iaijutsu-Kenjutsu-Battojutsu Tags: , ,
Ritorna alla pagina precedente